Melanzana

In botanica, la melanzana è “Solanum melogena” suo nome d’arte più raffinato, Violetta, calza a pennello per dare una prima descrizione, seppur generale, della melanzana un ortaggio originario dall’India certamente, ma probabilmente in uso anche in Cina, fu introdotta in territorio siculo già nel lontano Quattrocento. Una pianta a produzione annua, risulta tra le piante orticole maggiormente coltivate. Vale anche per le “sorelle” Mostruosa, Bianca e Tonda che vengono ricordate, rispettivamente per forma, colore e bontà.

Nessun effetto collaterale, è realmente imputabile al consumo di melanzane. Sono piuttosto riconosciute le proprietà depurative, l’alto contenuto di acqua e fibre e il basso indice glicemico. L’acido clorogenico e la nasunina, inoltre, agiscono contro i radicali liberi, combattendo l’invecchiamento e le malattie cardiovascolari. Nessun problema a metterle in tavola, quindi, fritte o al naturale, con la pasta o nell’insalata.